Tag

, ,

51fjbvnfwdl__sy346_

In assoluto il mio romanzo preferito .

Il nome della rosa inizialmente doveva intitolarsi:  L’abbazia del delitto, successivamente Eco valutò anche il titolo Adso da Melk ,ma poi pensò che nessuna opera italiana aveva avuto successo avendo come titolo il nome del protagonista e cambiò definitivamente idea dando al libro il titolo attuale , azzeccatissimo !

Questa citazione appartiene al film , ed è una delle tante spiegazioni date al titolo , che resta ancora oggi enigmatico .

Giunto al termine della mia vita di peccatore, mentre declino canuto insieme al mondo, mi accingo a lasciare su questa pergamena testimonianza degli eventi mirabili e tremendi a cui mi accadde di assistere in gioventù, sul finire dell’anno del Signore 1327. Che Dio mi conceda la grazia di essere testimone trasparente e cronista fedele di quanto allora avvenne in un luogo remoto a nord della penisola italiana, in un abbazia di cui è pietoso e saggio tacere anche il nome.

 

Le vicende che vedono protagonisti Adso de Melk e Guglielmo da Baskerville si svolgono tra le mura di un abbazia medievale nel 1327  ,le scure ombre dell’inquisizione si insinuano tra le possenti mura di roccia sconvolgendo la vita dei benedettini .

Guglielmo ,frate francescano ed ex-inquisitore,  metterà al servizio della verità la sua mente straordinaria coinvolgendo il lettore in un thriller storico intricato e  strutturato in modo geniale !

L’ambientazione dettagliata ed i temi altissimi toccati dall’autore vi arricchiranno di conoscenza , senza che ve ne rendiate neanche conto …tanto sarete presi dalla narrazione .

Assolutamente da leggere !

Monika M .

Annunci