Tag

, ,

41kEIndQTXL

Se iniziassi dicendo che questo libro parla di una relazione clandestina tra un uomo quarantenne, sposato, ed una ragazza di venticinque anni forse giudichereste subito negativamente  il protagonista: Riccardo…. ma basta leggere le prime pagine del romanzo per entrare incredibilmente in empatia con lui.

Confesso di essermi dovuta fermare più volte durante la lettura perché le sue inquietudini diveniva anche le mie. L’autore descrive dettagliatamente tutte le emozioni che il protagonista vive invischiato in una relazione che non ha cercato ma che, ad un certo punto, ha fortemente voluto. Del resto chi può opporsi al vero amore? Si, perché è di amore che qui si parla, non di una relazione nata come fuga dalla noia del matrimonio.

L’autore Rocco Roberto parte dal loro addio, un addio non voluto, ma piombato loro addosso ( non voglio svelarvi nulla della trama, merita di esser letta come io l’ho vissuta: ignara degli eventi ) e da quel saluto definitivo dipana al ritroso tutta la storia dei due e la vita quotidiana di Riccardo.

Mentre leggevo non facevo che chiedermi “forse sono questi gli amori eterni” quelli ai quali non viene concesso di spengersi, ma che finiscono sul vivo, quando l’amore è all’apice della sua potenza. Ed ancora mi sono domandata ” Si sopravvive a questo ?”

Di certo c’è che il romanzo è un inno all’amore.

Nonostante i sensi di colpa del protagonista, verso una moglie ignara che non merita l’infedeltà, Ricardo verrà assolto dal lettore proprio per l’autenticità di quel sentimento che lo lega a Ludovica.

Molti sostengono che tali storie sono banali, forse è così … ma ciò che le rende uniche sono le emozioni vissute, ricordi e sentimenti donate al lettore , attimi   che entreranno in noi proprio perché universalmente condivise e condivisibili .

Probabilmente un libro adatto ai pochi romantici rimasti ..ed aggiungo … w i romantici !

Lo consiglio? Assolutamente SI !

Monika M .

Link Acquisto del romanzo

Annunci