Tag

 

Nebbie e delitti per l’ex commissario Martini secondo la tradizione del misteri. Torino 1933: è l’anno dell’inaugurazione del primo tratto della nuova via Roma, con gli storici Caffè, negozi e trattorie. A fare atmosfera un autunno tra nebbie spesse, freddo pungente e qualche spruzzata di neve che colora di bianco i marciapiedi. La Contrada del Gambero d’Oro è un quartierino centrale dove viene trovata morta una ragazza: Martini deve muoversi tra sospetti e rancori con la pazienza e la sagacia di un Maigret nostrano lasciandosi compenetrare dalle abitudini e dai piccoli e grandi drammi familiari degli abitanti del luogo.

 

61W0-17yzTL._SS300_.jpg

 

 

 

Seppur amo i libri gialli, non mi era mai capitato di leggere suoi libri fino ad oggi. Confesso che sin dalle prime mi ha conquistato! Lo stile è elegante, sobrio, impeccabile. Le parole scivolano nella mente del lettore tracciando nitide fotografie, mostrandoci quel che viene narrato come fosse la pellicola di un film, proiettato solo per noi.
Il personaggio è così caratterizzato da apparire reale, realmente esistito, ingannandoci a tal punto da poter giurare di averlo conosciuto!
Gli indizi vengono forniti con maestria, ogni deviazione dalla realtà dei fatti diviene labirinto in cui il lettore ama perdersi!

Monika M