Tag

, , , , ,

fabbricazione_carta

Come tutti gli amanti del romanzo “Il nome della rosa” anche io mi sono appassionata alla serie tv.

Tra le varie riflessioni, offerte dai vari approfondimenti, una su tutte mi ha incuriosito molto: il mulino in cui Salvatore crea la carta per i manoscritti del monastero.

Gli amanuensi usavano la carta o piuttosto la pergamena?

Vediamo cosa dice la storia.

 

Gli egizi usavano il papiro.

Greci e romani usarono la pergamena, ottenuta dalla pelle degli animali.

Per la prima volta si parla della fabbricazione della carta, dalla corteccia degli alberi, in Cina nel 105. Anticamente questi usavano il bambù e proprio da quella lavorazione evolve la carta.

Questo nuovo materiale, e la sua fabbricazione, venne poi introdotto, nel 610, in Giappone e nel 750 nel Medio Oriente.

In Europa arrivò grazie agli Arabi, probabilmente in Sicilia la prima fabbricazione in terra europea.

 

imagesnnn

In territorio cristiano appare la prima cartiera presso Bologna, attribuita a tale Polese da Fabriano.

In seguito la diffusione invase tutta l’Europa, ma la fabbricazione di carta si rese indispensabile unicamente con l’invenzione dei caratteri mobili.

La richiesta di carta divenne da allora sempre crescente.

 

Paper_production

Tornando alla serie tv mi sono chiesta: usavano veramente già la carta? Io credo di no.

Per certo so che i giovani amanuensi “grattavano” le vecchie, e prive di valore, pergamene per esercitarsi e non sprecare quella nuova destinata ai più esperti e competenti.

 

 

mulino

Voi cosa ne pensate?

Io resto scettica 😉

 

Monika M .