Tag

, , ,

56913348_688747291541965_3472808571547156480_n

LARA 

Già non ti sopporto più! Da quando so della tua esistenza non faccio che giudicare me stessa, forse perché penso lo faresti tu! Figlio di una puttana, lo so nessuno lo desidera, ma questo ti è toccato in sorte. Poi toccato, qui è tutto ancora da stabilire, quindi non ti illudere. Non ho ancora deciso se tenerti o meno.

Quel che significherebbe tenerti lo sto già pagando: da quando so di te non lavoro più, ho spento il cellulare che uso per i clienti e sono spaventata a morte! Ho fatto questo da quando ho quindici anni, non so fare altro e se decidessi di tenerti come faremmo? Come posso prendermi cura di te se non saprei e potrei provvedere neanche a me stessa? Una vita diversa da questa io non l’ho neanche mai immaginata! Bisognerebbe sempre avere un piano B?

A tuo padre… padre poi, questa parola è abusata, usata con troppa leggerezza! A chi ti ha sparato dritto nel mio utero non ho ancora detto nulla. Non farmi la morale, tu non lo conosci ancora questo mondaccio! Non lo sai quanto è dura farcela qui. Devi fottere per non esser fottuto e se proprio vogliono fotterti fatti pagare bene!

Oh, non credere io sia ignorante e gretta, sono solo pratica. Per anni sono stata l’amante di un Monsignore, certo quando ero giocane  – minorenne a dirla tutta – ed ho potuto leggere e studiare libri che pochi possono permettersi. Questo ha fatto la differenza tra me e una di strada. So usare anche il cervello, non solo le parti basse, e questo alza il prezzo!

Ma adesso basta, sei noioso. Sei solo un insignificante fagiolo, che vuoi saperne tu di cosa vuol dire vivere? Se non mi fossi lasciata scopare in quel trabucco neanche esisteresti!

Eppure, da quando so di te, la dolce illusione della speranza si è riaffacciata nella mia vita.

 

Monika M ©

( Il brano è sottoposto a copyright )

 

A mercoledì prossimo!!

 

Puoi leggerlo anche su WATTPAD