Qualcosa di me… Monika M

Tag

,

26219811_905418439633513_993185593128094808_n

Sono pochi gli autori che amo, ancora in vita, miei contemporanei. Non posso non citare Dacia Maraini ed Erri De Luca. Amo non solo il loro stile ma anche e soprattutto la loro persona.

( There are few authors who I love, still alive, my contemporaries. I can’t but mention Dacia Maraini and Erri De Luca. I love not only their style but also and especially their person. )

Monika M

 

Annunci

Frida…

Tag

Come-scrivere-un-fumetto.jpg

Ho smesso di contare le volte in cui, arrivata alla seconda riga, ho cancellato e riscritto tutto nuovamente. Cercavo un inizio ad effetto, qualcosa di poetico e vero allo stesso tempo, qualcosa di grandioso, ma agli occhi. Non ci sono riuscita. Poi ho capito, ricordando ciò che non avevo mai saputo: che per i grandi cuori che muoiono nel corpo ma che continuano a battere nel respiro della notte, non ci sono canoni o bellezze regolari, armonie esteriori, ma tuoni e temporali devastanti che portano ad illuminare un fiore, nascosto, di struggente bellezza
Frida Kahlo

Oggi vi parlo di #53

Tag

,

Esiste un mondo dove il confine fra il bene e il male diventa labile; un mondo di cui tutti intuiscono o conoscono l’esistenza ma che, per convenienza, ignorano o negano.Un mondo impercettibile ai più, creato da persone reali e vissuto da esseri invisibili, un mondo dove il denaro può comprare tutto, tranne l’odio e la vendetta.

41NmxtnVmZL

 

Avvincente!

Questo il primo aggettivo che mi viene in mente per descrivere questo romanzo.

La narrazione è  veloce, precisa, puntuale e metodica… imprigionando il lettore in una spirale di eventi che via via vengono rivelati sul protagonista, raccontato coralmente da chi ha la “sfortuna” di incontrarlo.

La storia è molto originale, mi ha conquistato sin dalle prime pagine.

Alex, L’invisibile, è inizialmente appena tratteggiato, proprio come il suo soprannome implica non è facilmente inquadrabile. Man Mano che la storia però procede si hanno sempre più dettagli e la figura emerge malvagia… eppur affascinante. Del resto la natura umana è attratta da quella parte oscura che in noi dimora e che fatichiamo a tener nascosta.  Un moderno Dorian Gray senza volto e ritratto da far invecchiare per gli atti spregevoli che compie!

Paradossalmente sarà proprio l’unico atto di clemenza di Alex a metterlo nei guai.

Durante la lettura riflettevo costantemente su come le vicende della nostra vita determineranno poi la persona che diverremo. Alle mente non faceva che tornarmi il detto indiano :

<<   Una sera un anziano capo Cherokee raccontò al nipote la battaglia che avviene dentro di noi.
Gli disse:

“Figlio mio la battaglia è fra due lupi che vivono dentro di noi.

Uno è il male, é rabbia, paura, preoccupazione, gelosia, invidia, dispiacere, autocommiserazione, rimpianto, rancore, avidità, falsità, senso d’inferiorità.

L’altro è il bene, gioia, amore, pace, speranza, serenità, umiltà, gentilezza, benevolenza, empatia, generosità, verità, compassione, fiducia.

… il piccolo ci pensò su un minuto e poi chiese: “Quale lupo vince?”

L’anziano Cherokee rispose semplicemente: “Quello a cui dai da mangiare”. >>

Ed è indubbiamente così per i protagonisti della storia, tutti loro iniziano il cammino del Male perché privati dell’Amore, chi di una donna chi di una madre…chi di entrambe i genitori.

La scrittrice descrive in modo completo i protagonisti e le vicende usando un linguaggio sempre consono al  personaggio, riuscendo a caratterizzarli così bene che dichiarare, all’inizio del capito, chi stia parlando diviene ad un certo punto superfluo. Ho apprezzato particolarmente lo stile, pulito e lineare lo consiglio assolutamente.

 

Monika M

 

 

 

 

Qualcosa di me … Monika M

Tag

,

 

26219811_905418439633513_993185593128094808_n

Sono diplomata al Liceo Artistico, quindi va da sé che per  l’arte è qualcosa di vitale al pari dell’ossigeno. Che sia pittura, scultura o fotografia l’arte è per me beatitudine. Nei miei romanzi inserisco spesso luoghi visitati, opere d’arte o architetture che non solo sono scenario ma protagoniste della storia.

( I graduated from the Arts High school, so it goes without saying that for art it’s something as vital as oxygen. Whether it is painting, sculpture or photography art is for me bliss. In my novels I often enter places visited, works of art or architectures that are not only scenery but protagonists of history. )

Monika M

 

Nuova Uscita!

Tag

,

Dive copertina ufficiale 500px.png

Biografia:
Aura Conte è nata a Messina nel 1983. Laureata in Scienze della Formazione, scrive libri multi-genere sia in italiano che in inglese, spaziando dai romanzi storici a quelli fantasy. Non è sposata, non ha figli ma è dipendente da internet, social media e letture in lingua originale. Ha pubblicato il suo primo libro nel 2009 con Edizioni Il Pavone (“Purpureo Re-Birth”). Da Maggio 2017 è disponibile in seconda edizione un suo romanzo storico “La sposa del capitano” edito da Libro/mania (progetto editoriale di De Agostini e Newton Compton). Ha all’attivo una ventina di pubblicazioni tra libri, racconti e short stories. Dal 2004 è vice presidente di un’associazione artistico culturale “Iside ONLUS”, inoltre, collabora con diverse CE da circa dieci anni, è articolista sia in Italia che all’estero, nel 2015 ha fondato il progetto letterario Bookoria e nel 2018 ha dato via al progetto di design/moda Wild/Queen.
dive2018summer
Titolo:
“Dive”
Autrice: Aura Conte
Disponibile a 0.99cents su Amazon e Kindle Unlimited: https://www.amazon.it/Dive-Aura-Conte-ebook/dp/B07DT4LY4W/
Numero di pagine (reali): 233
Genere: Sport Romance, Narrativa contemporanea.
POV: Alternato F/M.
Nota autrice: a causa di alcuni contenuti questo libro è consigliato a un pubblico adulto e consapevole.
Trama:
Cosa saresti disposto a rischiare pur di sentirti vivo?
Kevin Davidson è conosciuto da tutti come Darko, una star degli sport estremi in grado di sfidare la morte senza mai provare paura.
Non tanto diverso da lui è Goliath (Ian Gordon), un daredevil pieno di soldi con il quale si trova spesso in competizione.
Quando a entrambi viene proposto di partecipare al Dive, una competizione all’interno della quale potranno sfidarsi in sette prove mortali con altri appassionati del settore, né Kevin né Goliath si tirano indietro.
Tuttavia, per partecipare all’evento, sono necessari degli sponsor e un team adeguato in grado di seguire i partecipanti, filmare ogni prova e alimentare la loro fama online.
Goliath si fida soltanto di una persona a questo mondo, sua sorella Kimberly. Lei è tutto fuorché un’appassionata di certe cose, però è l’unica che può aiutarlo.
Differentemente da Ian, Kimberly odia la ricerca continua della morte, è qualcosa che non sopporta da quando lei e il fratello hanno perso entrambi i genitori. Tuttavia, per diverse ragioni che vanno oltre il semplice sostegno, la ragazza decide di accettare la sua proposta.
Kimberly è pronta a seguire il fratello in capo al mondo ma non a conoscere Darko, il suo nemico giurato. Soprattutto, quando qualcuno ha deciso di approfittare dell’evento per giocare con le vite altrui.
Darko rappresenta tutto ciò dal quale Kimberly fugge: il rischio, l’amore, la paura, la sofferenza, la morte… un uomo che con il suo aspetto e carattere potrebbe distruggere il castello di carta dove si è rifugiata negli ultimi anni.
Otto team, sette prove mortali, quattro continenti.
Orgoglio. Follia. Odio. Amore. Adrenalina.
Sei pronto a sfidare la Morte?
Dive è un romanzo autoconclusivo in volume unico, scritto con POV alternato.
Genere: Sport Romance (estremo), Azione & Avventura.

Pollon!

Tag

,

aaa.png

Pollon era uno dei miei cartoni animati preferiti! Probabilmente se lo facessero ancora..lo guarderei anche adesso!

Trovavo irresistibile la simpatia della piccola protagonista e le storie narrate, anche se adattate ai più piccoli, mi affascinavano! Ma andiamo per ordine….

« Sembra talco ma non è, serve a darti l’allegria! Se lo assaggi o lo respiri, ti dà subito l’allegria! »

Questa la frase che le sentivamo canticchiare fino alla nausea, Pollon , figlia del dio Apollo, sogna di divenire una Dea… ma ficcando il naso in ogni vicenda non fa che combinar guai!

All’inizio della serie è una bambina di circa 7 anni… originariamente la serie si chiamava Olympus poi , come spesso avviene,  il nome della protagonista soppiantò il titolo originale ed è così che conosciamo il Manga: Pollon! ( O meglio C’era una volta Pollon)

Nipote del Dio Zeus la ragazzina sfoggia da subito un carattere ostinato ma che la rende simpatica ed irresistibile! Come lo sono del resto tutti i personaggi che, al contrario degli Dei classici, vengono derisi per vizi ed incapacità.

Sarà proprio nonno Zeus a stabilire le regole perché Pollon diventi una Dea a tutti gli effetti e per riuscirci dovrà guadagnare delle monete magiche che trasformeranno un salvadanaio magico nel suo trono.

Seguendo leggende mitologiche gli autori creeranno storie esilaranti nelle quali Pollon ed il suo “pennuto” amico Eros si cacceranno, combinando infiniti guai.

Io ho sempre trovato geniali le loro trovate, gli autori erano veramente strepitosi!

Voi lo guardavate? E chi era il vostro preferito?

Io adoravo Zeus, un donnaiolo irriducibile !

Monika  M

 

 

The book of the day #6

Tag

TRAMA

Candy non si chiama così per puro caso, ma lei al destino e alle coincidenze non ci crede. Come non crede nell’amore né alle anime gemelle. Eppure è lei a dirigere con successo “La Rubrica dei cuori infranti”.
La richiesta di aiuto di una sua lettrice la coinvolgerà in prima persona e per la prima volta dovrà scegliere: continuare a mantenere la sua etica professionale o dare consigli sbagliati e spingere tra le proprie braccia l’uomo tanto conteso?
Proprio quando tutto sta andando per il meglio, ecco che busserà alla sua porta un secondo uomo, lui ha capito il suo gioco e farà di tutto pur di farla ragionare.
In un insieme di equivoci, bugie e malintesi, Candy si ritroverà ad essere la classica antagonista di una storia d’amore.
Questa volta ci sarà un lieto fine per lei? E tu? Sei pronta a tifare per la cattiva?
Scoprite con lei la favolosa New York e il riscatto d’amore più romantico del mondo.

 

51+kZKwwyTL

Ho letto diversi romanzi firmati da Poeletta Maizza e devo dire che sono tutti caratterizzati da una dote che io trovo innata in lei, una capacità che non può essere appresa: la capacità di creare immediatamente un’empatia tra le sue protagoniste ed il lettore. In ogni suo romanzo si ripete questa magia: mi sembra di conoscer da sempre la protagonista!

Il lettore non fatica ad entrare nella storia perché sentiamo di appartenerle o viceversa che essa appartenga a noi… la scrittura  così naturale e fluida e l’uso della prima persona fa sì che le vicende sembrino confidenze a noi svelate.

Il tema trattato: l’amore, può non vederci concordare con le scelte o le idee dei personaggi, del resto ogni individuo ha il suo sentire, ma è proprio questo che fa funzionare la narrazione. Paoletta, tramite Candy, ci permette di guardarci dentro, di porci domande scomode. Come si dice è facile dar suggerimenti quando non si è coinvolti in prima persona ed è proprio questo che vorremmo fare con Candy, ma se fossimo noi a trovarci al suo posto? Questa mi sono chiesta durante la lettura ed è per questo che non giudico le scelte fatte, perché unicamente vivendo un sentimento lo si po’ capire. Spesso scelte sbagliate ci portano a capire ciò che mai avremmo compreso….altrimenti.

Trovo che la percezione di Paoletta Maizza sull’amore rispecchia il nostro tempo: per paura sembriamo spesso anaffettivi, credo questo dipenda dalla scarsa conoscenza dell’altro…il mondo – va troppo veloce per sentimenti che richiedono, al contrario, tempo per nascere e crescere.

Nonostante Candy Candy fosse il mio cartone animato preferito, leggendo il romanzo di Paoletta, mi sono resa conto di non ricordarlo affatto! Non ricordo più i personaggi ne la trama e la cosa mi ha fatto sorridere, dovrò assolutamente recuperare questi ricordi… e voi curiosi di leggere questo libro?

Monika M

Qualcosa di me … Monika M

Tag

,

26219811_905418439633513_993185593128094808_n

Devo esser sincera, ho imparato ad amarmi così come sono. Mi accetto, sapendo che più che smussare angoli non ci è dato ottenere. Ho migliorato alcuni aspetti, come ad esempio la tolleranza, il rispetto e la pazienza.

( I have to be honest, I have learned to love me as I am. I accept, knowing that more than chamfer angles we are not given to get. I have improved some aspects, such as tolerance, respect and patience. )

Monika M

Oggi vi parlo di #52

Tag

, ,

51sAQa47xoL

Quel che rende coinvolgente una storia  è il protagonista, se questo è credibile ci trascina nella narrazione poiché la riteniamo autentica.

Tetty Stone mi ha stesa!

Leggere questo romanzo è stato formidabile, per me che amo il rock, come trovare un diario segreto di una dannata celebrità. Il linguaggio usato è perfettamente dosato, non abusa ma spontaneamente disegna un personaggio così ben caratterizzato da renderlo reale… in alcuni momenti il mio pensiero volava così alto da ritrovare Jim Morrison, del resto ogni lettore immagina il protagonista come preferisce!

Ma proprio quando credevo di aver inquadrato la storia, e già questo bastava poiché incredibilmente intrigante, ecco che l’autore mi scombina le carte e quel che credevo di aver capto viene messo in discussione.

Da scrittrice odio quando viene rivelato un dettaglio della storia che io avrei voluto il lettore carpisse da se… , durante una recensione, quindi della storia, originalissima, vi rivelerò solo quello che lo stesso scrittore ha voluto rendere noto:

TRAMA

Terry Stones, stella precipitata dal firmamento del rock, si risveglia confuso in una strana e sconosciuta abitazione. Sente i postumi degli eccessi, la testa pesante, il brusco sapore della paura, ma non ricorda nulla delle sue ultime ore. Nella losca dimora, il cantante incontra la bella e seducente Selene, misteriosa guida al servizio di Mida, un ricco e inquietante imprenditore. Soltanto un terribile incubo? No, molto di più. Terry diventa di fatto vittima di una serie infinita di assurde e inspiegabili situazioni, troppo strambe per poter essere considerate reali e, allo stesso tempo, troppo vive per essere soltanto figlie dell’immaginazione. Dalla città fantasma di Mida alla rovente e caotica Los Angeles, dalla gloria al fallimento, dalla vita alla morte… Tra aneddoti in pieno stile rock, ricordi e allucinazioni, il protagonista proverà a sciogliere ogni nodo, trascinando con sé anche il lettore più mite.

 

Se inizialmente la razionalità ha la meglio… la trama porta poi ad abbandonarla e credere nell’impossibile, concedersi un sogno/incubo. Leggere il romanzo è come camminare in una casa stregata nella quale il pavimento cambia continuamente pendenza e tutte le percezioni legate alla realtà si frantumano… per uscirne dovrete liberare la mente, annullare le prospettive conosciute e sfidare materia e realtà.

Sin dalle prime righe  è palese l’abilità dello scrittore, un vero talento!

Forse non è un libro per tutti, per questo mi è piaciuto tantissimo. Assolutamente lo consiglio.

 

Monika M