La lettera Scarlatta

Tag

untitled

 

 

Un classico della letteratura statunitense, pubblicato nel 1850.

 

“Nessun uomo può, per un tempo considerevole, portare una faccia per sé e un’altra per la moltitudine, senza infine confonderle e non sapere piú quale delle due sia la vera.”

 

imagesNA7M4USF

Il romanzo narra la storia di Hester Prynne. La vicenda è raccontata da un narratore che asserisce di aver trovato un documento che rivela le vicende accadute alla donna in Nuova Inghilterra,  nel XVII. L’ambientazione storica rivela l’arretratezza culturale e religiosa di una puritana comunità che condannerà la protagonista ad una gogna vergognosa: apporre al petto la lettera scarlatta.

 

“In verità, come io ho cercato di mostrargli, l’onta risiede nella consumazione del peccato, non nella sua confessione.”

Quale peccato ella ha mai commesso? L’adulterio!

 

imagesZDLT66A1

Hester Prynne darà infatti alla luce una bambina: Pearl, nonostante suo marito sia assente da anni dalla città. Accusata di adulterio viene processata e punita con la pubblica umiliazione.

Con tenacia ella non rivelerà mai il nome del padre della figlia. Proprio quando con la lettera A stampata sul petto viene esposta sul patibolo il marito torna in città e viene a conoscenza della vicenda, determinato a scoprire con chi la moglie si è congiunta carnalmente non rivelerà la sua identità.

Si comprende presto chi è il padre della bambina, ed altrettanto chiara sarà la motivazione che motiva Hester a non rivelare chi egli sia: per amore! Non è infatti la vergogna a farla tacere, ma l’amore ed il rispetto nutrito per questo uomo stimatissimo da tutta la comunità.

La storia evolve e cresce di intensità e la vendetta aleggia costantemente sulla vita di tutti loro.

untitled2222

“In campo nero, la lettera A scarlatta”.

 

Il romanzo ha subito suscitato grande interesse ed è divenuto in breve tempo un vero successo letterario, i temi tabù affrontati allora hanno infiammato e diviso i lettori e probabilmente li divide ancora oggi… a voi è piaciuto?

 

Esiste anche una trasposizione cinematografica molto bella: La lettera scarlatta (The Scarlet Letter)  film del 1995 diretto da Roland Joffé.

 

« Quanto sono simili l’odio e l’amore: l’uno ci lega quanto l’altro e spesso li confondiamo. »
(citazione finale)

 

Monika M